lunedì 2 novembre 2009

FAT BOOK 2009 SCC- LA MIA PAGINA

E’ passato più di un mese dalla fine di questa bellissima iniziativa e non ho ancora postato la mia pagina!
Allora innanzitutto l’ispirazione per il tema mi è venuto da un lavoro digitale che aveva postato Katia su Scrapbookingfreedom per una sfida su un forum di grafica a cui aveva partecipato, l’ho trovato molto ispirante da subito e devo dire che lo è stato per tutte considerando le bellissime pagine che sono uscite… Se volete dare un’occhiata a tutte andate qui , Illy ha fatto un video con tutto il BOOK sfogliato pagina per pagina.
Qua invece metto solo la mia paginetta che…beh, io ci ho provato a fare un po’ di mixed media ma non so se il pastrocchio che ho fatto si possa definire tale. Comunque sia mi sono divertita ed ho usato diverse tecniche e materiali e come esperimento credo possa andare bene.
Dopo 3 pagine rovinate con prove di image transfer (col medium opaco della maimeri), ho deciso per la soluzione più facile: il collage; perciò i pianeti non sono trasferiti ma solo incollati.
fat book interno
Non so se si legga bene così metto il journaling: Avrei voluto vivere nel futuro, per far parte della Federazione Unita dei Pianeti; per salire a bordo dell’ Enterprise, della Voyager e dell’Arcadia; per studiare la Psicostoria e visitare la Biblioteca Galattica di Trantor; per fare l’autostop con un pollice elettronico e viaggiare con solo un asciugamano come bagaglio su un’astronave a propulsione di improbabilità; per conoscere Zaphod Beeblebrox e i golgafrinchiani, i nostri antenati :-)

La parte "incisa" nello strato di gesso acrilico è l'inizio di 2 dei miei libri preferiti, ogni pagina riporta un paragrafo diverso.
Questa è la parte esterna con il titolo e i dati.

fat book esterno

Purtroppo un paio di pagine le ho dovute scrivere con la bic perchè avevo finito la Glaze (ne ho consumate 2 per scrivere tutto il malloppone) e qua in zona non la vendono :-(
A presto!

7 commenti:

Illy ha detto...

Io io io! Io voglio conoscere Zaphod!
X-D
La tua pagina è davvero un capolavoro, eh sì l'image transfer è "sfuggente" a volte (spesso) ma il collage non toglie nulla alla bellezza del tuo lavoro.. che poi è anche molto complesso e davvero fatto con tanta cura!

michellescrap ha detto...

Non scorderò mai il giorno in cui ho comprato la Fondazione. La prof di italiano ci impose di leggere per le vacamze almeno un libro di Asimov a nostro piacere. Comprai quello che costava di meno ... era un'edizione super economica, un po' malandata ... e sbuffai ... per il numero delle pagine a mio avviso eccessivo. L'indomani, per togliermi il peso cominciai a leggerlo. Fu amore già alla seconda pagina ... e quando al rientro a scuola la prof ci chiese quali libri avevamo letto di asimov io fui orgogliosa di rispondere "6".
E' l'unico libro che ho letto 3 volte nella mia vita ... e l'unico che a breve si farà una 4 rilettura. Dopo aver visto la tua pagina ... stupenda, d'atmosfera e meravigliosamente mixed media (che ho scoperto di adorare ...) l'ho recuperato dalla libreria e posizionato sullo scaffale dei libri da leggere ... Enri ... la tua è una bellissima paginetta in tutti i sensi ... Un bacio grande grande Mik

Alice marla ha detto...

la tua pagina la trovo davvero geniale e ben riuscita, un capolavoro che appena l'ho vista son rimasta a bocca aperta a studiarmela per benino!!!

bombamagagna ha detto...

fortuna che hai scritto il testo :D una delle 2 ce l'ho io :p

non so come sia l'image transfer ma il tuo risultato è bellissimo così ;)

grazie ancora di tutto!

Simona ha detto...

"There's a starman waiting in the sky, he'd like to come and meet us
but he thinks he'd blow our minds.
There's a starman waiting in the sky..." appena ho ricevuto il mio FB e ho visto la tua pagina mi è venuta in mente questa canzone e l'ho canticchiata per una settimana ;-). Ha dei colori favolosi!!!

bombamagagna ha detto...

enrica grazie mille per la segnalazione :D
ho provveduto a linkarla e ad avvisarla ;)

AnnaDrai ha detto...

finalmente ho capito meglio cos'è questo fat-book ;)
il mixed media non fa per me, ma vedo invece che a te riesce eccome!